L’Udinese vince ma non convince col Sassuolo

Risultato misero molto ristretto contro il Sassuolo di quest’anno. Non vorremmo fosse servito per mera disgrazia a salvare Delneri, meglio vittorie su misura?. Assurdo ma non impossibile. Rimane il fatto di fondo che questa Udinese a poco più di un mese e mezzo circa dal termine del girone di andata ha racimolato la miseria di 9 punti viaggiando con il montacarichi o saliscendi verso il fondo della classifica. Con la possibilità non negletta che buona parte delle squadre di fondo classifica possa superare e scavalcare l’Udinese, a quel punto zero speranze o quasi. Sarà retrocessione?.

Per come stanno le cose non è molto difficile,pur avendo annunciato sia Pozzo che Delneri a inizio stagione che la squadra è forte, bla bla bla bla…. . Ultimamente ha perso la fiducia pare nei giocatori che molto probabilmente colpe potrebbero non averne.

Lo ripetiamo da troppo tempo manca la conoscenza profonda dei propri uomini,manca l’organizzazione e la costruzione di una squadra titolare, su due squadre presenti. Manca la squadra,i giocatori in buona parte giovani ancora confusi sul loro ruolo. Samir in difesa, uno scandalo, Halfredsson a centrocampo, per cortesia, senza demeriti per nessuno,ma tant’è. Manca la tecnica e con la sola fisicità non vai molto lontano, De Paul troppo spesso utilizzato fuori dal proprio ruolo. Jantko che straluna, pensi a far bene in campo e segnare, anche alla Juve, per il suo bene.

Ottimo Maxi con qualsiasi tempo, gran lavoratore esempio per i ragazzi. Va aiutato e sostenuto da chi più fisico di lui in modo che possa segnare di più. Ma questa Udinese non ci convince tanto che pensiamo, fosse possibile il ritorno ventilato di Guidolin per dare maggior sicurezza ordine e disciplina a questa squadra, non è vero quanto asserisce Delneri il calcio è fatto di più fattori,questo lo sanno tutti….il suo compito non è pensare a questo ma a costruire la squadra titolare con le riserve. Ieri Matos in campo a fare cosa, confusione?. Stava bene a Firenze, dove sonnecchiava in panchina, meno a Udine.

Contro il Sassuolo di ieri il risultato fortunoso di misura è stato troppo poco, molto sfortunato il Sassuolo che a più riprese ha sfiorato il gol,veramente peccato che non abbia centrato in modo da dire “fuori il dente via il dolore” con il cambio in panchina che continuiamo ad auspiccarci, nell’interesse dell’Udinese. Friulani o no, se non vanno – non vanno, o lo sui capisce o il danno alla fine ricadrà o potrebbe ricadere sulla squadra. Difficilmente la barra a dritta della barca in queste condizioni di mare mosso e vento contrario, sarà difficilmente tenuta e controllata.

Veramente strano che la Società non sia intervenuta, vittoria di misura o no… si andra da rinvio a rinvio,di sofferenza in sofferenza o,finalmente si interrogherà il Mister che non pare convinto del suo compito, pretendendo da lui garanzie sul rendimento e la disciplina della squadra che non soddisfa e non offre garanzie ferme e durature,dobbiamo raggiungere questa fase. Il Mister conosce uno per uno i suoi uomini,il loro carattere,la loro cultura diversamente proporzionale alle loro origini visto che l’Udinese è una Babele in tal senso?

Il risultato che si pretende e non solo si vuole nell’immediato è che la squadra sia costruita nell’immediato, la quale oltre alla tecnica posseduta dai veri elementi deve crescere in termini di coesione (assente) oltre che di comprensione tra individualità,reparti e poi la squadra tutta coesa. Se non si arriva a questo, non c’è nulla da fare. Non basta che il tecnico in conferenza stampa si presenti deluso, stante che la delusione è generale investendo il mister in primis. La squadra funziona se lui funziona. Se qualche giocatore non quadra sta a lui parlarne con la Società senza attendere la manna del cielo, raccontando di settimana in settimana le sue lusinghe, forse anche dovute ma pur sempre tali, quindi inutili. Si vuole una reazione definitiva e stabile, non vogliamo vedere sconfitte ne partite misere come quelle contro la Juve.

La squadra deve essere nervosa ma rilassata e concentrata, cosa che troppo raramente dimostra di esserlo, Delneri non si sta dimostrando uno psicologo, la preparazione fisica si fa in allenamento ma quella mentale la si fa nello spogliatoio da dove devi uscire carico, cosa che dagli spalti all’ingresso delle squadra non si denota.

Giocatori che si guardano perduti alla ricerca di cosa debbono faregli uni con gli altri non ci devono essere. Ognuno deve avere un ruolo preciso e la conoscenza di quello che deve fare. Striker ad esempio neanche giunto a Udine ha dimostrato di essere un giocatore,altri non sono ancora convinti. E’ ora di porre fine a questa situazione scabrosa.

Partita: Qualcuno sostiene che in campo ci fosse ossigeno puro,ma il vento e la pioggia hanno impedito tale purezza. Non è possibile meno tollerabile che quando vincono sono grandi,quando perduto sono incapaci,è ora di finire con questo modo di pensare, la stampa non deve fare tifo ma descrivere la realtà e la realtà è quella che è e rimbalza agli occhi.

La fortuna per l’Udinese è stata il calo di forza del Sassuolo rispetto a quello che fu con il precedente tecnico oltre al cambio dei giocatori, un Sassuolo che ha peccato in determinazione sicurezza e cattiveria e che come troppo spesso accaduto all’Udinese ha dovuto arrendersi con una scondita stretta di misura. Significato?: l’Udinese vince ma non convince, non esiste ancora l’Udinese che ci si attende. Urge la preparazione partita per partita una dopo l’altra sia in campo che sul video per carpirne le doti e i difetti, cosa che a Udine si vede poco. L’Udinese è stata determinante quando era in possesso di palla per tutta la partita e a quel punto diventa un 4-3-3 mentre quando non in possesso di palla si trasforma in un 4 – 5 – 1 che ha permesso di perdere la partita a Firenza,ma questo Sassuolo non è la Fiorentina,nemmeno parente. Samir sostituto di Nuytinck è il solito pasticione e c’è mancato poco che compisse il miracolo dell’autogol anche ieri,non convince. Speriamo nel rientro di Nuyting augurandoci che il ginocchio non sia… . Due panchine quella di Delneri e l’altra di Bucchi continuamente traballanti. Il Pozzo assolutamente da quanto pone in essere disinteressato all’Udinese non era in campo,nel caso in cui la situazione… . Ma era a Londra ne si è fatto sentire,quindi Gino può rimanere a Londra ma affidi ad altri la responsabilità della squadra o…. . Un solo evento dopo tanti tentativi con la determinazione di Barak che segna l’unico gol(miseria nera) della partita che l’Udinese per sua fortuna o no la portata con il minimo indispensabile fino alla fine. Ma ripetiamo vince ma non convince,le prossime a partire dall’Atalanta che non è il Sassuolo di adesso avranno altre dimensioni. E rischi vicini al precipizio. Lasagna è il sufferitore del gol di Barak. Maxi una conclusione fuori di poco,un paio di punizioni guadagnate, ma solo di fronte a tutta la difesa ospite per certo non lo agevola, ecco un errore tecnico,Maxi dovrà avere un supporto o no?… . Perica sicuramente in crescita.Larsen contiene bene Positano,non facile, Danilo spazza le palle in area Berhami con lui in campo il gioco più sicuro,copre meglio. Jantko troppi errori, De Paul utile sia in avanti che in Difesa, preziosissimo e sempre. Halfredsson soliti errori. Bizzarri sicuro su Berardi non certo facile,ma portiere integro, se coperto e senza errori della difesa,ma Samir solito pericolo capace di fare guasti. Non si guardi alla classifica ora akl 13° posto significa che la classifica è avulsa,però se perdi due partite ti ritrovi vicino alla B.

Ora speriamo di vedere se se e senza ma una Udinese capace in campo,non basta vincere ma giocare e correre in velocità. Non sarà facile. Le frasi di Delneri sono le solite di prammatica, non bastano,servono risultati e continuità. Contro l’Atalanta Samir non potrà segnare nella porta dell’Udinese ne altra,squalificato,non tutti i mali a volte vengono per nuocere. Le condizioni di Nuytinck e Angella saranno da valutare in infermeria. I tifosi :”””NOI VOGLIAMO GENTE CAPARBIA CAPACE DI LOTTARE E SACRIFICARSI.

Condividi questo articolo