| PUNTO BIANCONERO | Ora devi girare al massimo cara Udinese… Non ci sono Santi che tengano…

La domanda canonica che dovremo farci ogni qualvolta ci approcciamo alla stesura di questi nostri articoli è la seguente. Cosa dobbiamo aspettarci dalla nostra Udinese ? Ebbene anche per questo numero di “Punto Bianconero Week-end” è venuto il momento di fornire una risposta articolata a questo interrogativo. E allora facciamolo immediatamente. Dunque, si sa che in questo momento del campionato dell’Udinese si para innanzi alla squadra bianconera l’ennesimo sostanzioso e sostanziale ostacolo rispetto alle scalate possibili. Questo ostacolo ha un nome ben preciso e si chiama Lazio. La squadra degli aquilotti come è noto rappresenta uno dei pericoli principali di questo campionato, dall’alto del suo posto in classifica che si aggira entro le prime 6 posizioni, ed ha un potenziale tecnico e quindi di “fuoco” di tutto riguardo. Se la speranza è quindi quella di portare via alla Lazio dalla sfida dell’Olimpico dei punti, che nella migliore delle ipotesi possono essere tre, bisognerà davvero sudarsele le proprie possibilità di profitto, nella bolgia di un Olimpico di Roma che sostiene sempre con fragorosi inneggiamenti la propria squadra del cuore. Bisognerà quindi trovare per forza le proprie risorse migliori in assoluto in vista della sfida di domani, e quando si parlare di risorse non ci si limita a parlare di risorse fisiche. Si parla si pure di quelle, ma bisogna pure mettere in campo le più ampie possibili potenzialità tecniche, oltreché motivazionali. Assolutamente vietato quindi fare come nell’ultima scorsa partita, nella quale forse si pensava di poter battere l’Atalanta restando immobili o giù di lì. Alla fine, nonostante si sia fatto davvero abbastanza poco in campo, visto che le pennellate positive che si traducono in sprazzi di gioco brillante sono state davvero poche, le cose sono andate davvero molto bene nonostante come detto non ci si fosse sprecati. Però, come si suol dire, non è sempre domenica anche se il giorno della settimana in cui si gioca è il medesimo. Non si può sempre sperare di fare tre punti con un così basso dispendio di risorse ed energie. Bisognerà quindi tirare fuori il meglio di sé dal punto di vista tecnico domani. Bisognerà voler correre molto di più, attaccare il pallone in ogni fase e momento della gara. E per giunta bisognerà dimostrare quella solidità dal punto di vista dei movimenti complessivi che in questa fase del campionato, e si potrebbe dire pure sinora, sta rappresentando il problema principale della squadra bianconera. Squadra che deve assolutamente imparare da subito a muoversi da collettivo organizzato, perché alla bell’ora dei primi di novembre e a questo punto del campionato chi non è squadra paga eccome, assumendo magari un ruolo di margine. Ma l’Udinese non vuole arrivare a questo, e anzi vuole continuare a prendere il volo dopo che ha colto sei punti in due gare negli ultimi tempi. E quindi siamo convinti che anche domani si continuerà a cogliere il momento, incrementando il valore del proprio gioco e la sua intensità. Perché questo e solo questo è il passo da compiere per restare al passo con le altre concorrenti dirette ad un posto al sole. E Delneri questo lo sa e non mancherà di sollecitare ai suoi una manovra più intensa ed efficace, anche se il tempo per imparare la lezione non è poi molto. Nel volgere di una settimana bisognerà avere centrato pienamente l’obiettivo “gioco senza riserve”. Avremo modo di commentare come saranno andate le cose sabato prossimo, e nel frattempo vi esprimiamo gratitudine per il seguito che di consueto ci garantite. Alla prossima puntata di “Punto Bianconero Week-end” !

Articolo di
Valentino Deotti

E-mail: valentino.deotti@udinesenews.it

[ RIPRODUZIONE RISERVATA ]

Condividi questo articolo