PUNTO BIANCONERO | Udinese non mollare la presa adesso: devi salvarti presto, e quindi non puoi perdere il passo !

La fortuna è che un alibi è facile trovarlo per l’Udinese che non è riuscita a battere agevolmente in casa propria la Spal di Mister Semplici. E’ facile concludere, infatti, che domenica ultima scorsa la testa delle zebrette friulane fosse già orientata verso lo Stadio “Olimpico” di Roma, laddove mercoledì prossimo si giocherà l’assai impegnativo confronto contro la Lazio condotta da Simone Inzaghi. E quindi, testa all’appuntamento molto impegnativo e si finisce per prendere sotto gamba quella che normalmente doveva essere una passeggiata sportiva. Contro la Spal alla “Dacia Arena – Friuli!” una Udinese con la testa ben fissa sulle spalle avrebbe faticato ben poco a liquidare la squadra ferrarese. Invece, contrariamente ad ogni logica, è stata servita una partita nella quale già il primo tempo è stato avaro di spunti ed emoizioni… Figuriamoci poi un secondo tempo nel quale l’Udinese di Oddo è sembrata l’ombra di sé stessa, artefice della peggiore frazione dacché sulla panchina è arrivato il tecnico di Pescara. Altro che la squadra travolgente che sarebbe stata nel caso in cui l’Udinese fosse stata la stessa che ha battuto l’Inter a San Siro. L’Udinese nel primo tempo è sembrata del tutto sufficiente, lenta ed in balìa dell’iniziativa avversaria, sospinta da una ben maggiore convinzione e vivacità. Nel secondo tempo poi il buio quasi totale, con la squadra bianconera alla quale per l’appunto sembrava essersi spenta la luce della sagacia e della grinta. E’ stata nel secondo tempo una squadra svogliata e priva di idee, ci verrebbe da dire proprio con la testa altrove facendo riferimento alla nostra ipotesi iniziale. Una Udinese che pensava già alla partita contro la Lazio, per l’appunto. Gara rispetto alla quale sarà opportuno segnarsi di chiedersi di inseguire la conquista di almeno un punto. Altrimenti in caso di bocca asciutta l’Udinese perderebbe il ritmo classifica che la portata lassù dove si trova ora, a respirare aria di alta classifica.  Quindi bisogna cercare di fare almeno un punto a Roma contro i biancazzurri, eppoi di vincere a Genova. Questo perché non sarà facile chiedersi poi di fermare un Milan che ha iniziato nuovamente da qualche tempo la sua scalata all’Europa. Anche se la partita contro i rossoneri sarà a Udine, e questo quindi è un punto a favore, bisognerà arrivarci avendo messo sotto i denti qualcosa prima, onde evitare la crisi d’astinenza da punti che si scatenerebbe in caso di flop casalingo contro i rossoneri. A quel punto si parlerebbe di momento di difficoltà per l’Udinese. Momento al quale non ci vogliamo proprio arrivare. Questo perché è il caso di non perdere il passo, al fine di chiudere quanto prima il capitolo “corsa ai punti” salvezza. Mollare ora, quindi, non è proprio possibile. Altrimenti casca il palco, e a rale figuraccia non ci vogliamo e non ci dobbiamo arrivare. Mai e poi mai: ne va della reputazione di una squadra che a far bene ci può e ci deve arrivare, alla fine dei conti.

Articolo di
Valentino Deotti

E-mail: valentino.deotti@udinesenews.it

[ RIPRODUZIONE RISERVATA ]

Condividi questo articolo