E ci risiamo… ! Mister Oddo per caso la Magìa è finita… ? Diteci di no…

Al contrario di quanto sostiene il mister il risultato della Lazio capace di rifilare tre ( dicesi 3 ) gol a questa Udinese indecifrabile, oltre che discontinua allo stesso modo dell’inizio del Campionato in corso. Come nel fortunoso pareggio di casa contro una squadra che ringrazia ma non si meritava certo il pareggio in casa imposto da una buona e caparbia squadra ma per certo di un blasone inferiore in serie A. Questa Babilonia non sta dimostrando di voler crescere, tuttavia una sconfitta di misura contro la Lazio ne sarebbe stata possibile per un avversario ospite capace di maneggiare il pallone, purtroppo queste capacità già note non si sono viste,gli artigli non si sono messi in mostra,gravissimo. Ora e solo ora ODDO sostiene che la squadra gli ha chiesto la salvezza in questo Campionato,mentre a noi risulterebbe che fosse stato chiesta la salvezza ma con qualche di più possibile da valutare. Come dire che le attese sono in appiatimento, l’Udinese se attenta si salverà ma deve stare molto guardinga a raggiungere il traguardo se non cambia mentalità.

Bene l’imposizione fisica in campo con giocatori come Fofana e Halfredsson, i quali a parte la fisicità fanno vedere ancora poco rispetto alle loro immaginabili potenzialità.

Avessero potuto giocare questa partita 1 mese fa le risultanze potrebbero essere state diverse, infatti per la vera Udinese anche se non troppo giovanile ma con più esperienza, volontà e determinazione nel raggiungimento del risultato, apparentemente, ma forse non solo deludente, in un fatto a sinonimo ignominioso nel vedere tale obbrobrio in campo. La Lazio con minimo dispendio di forze e sacrificio ha potuto veleggiare. Penoso il solo fatto di doversi esprimere in questa forma nel compiangere una azione o partita che non si è vista, solo troppi errori, non si pensi che vogliamo essere cattivi contro qualcosa o qualcuno, ma il pubblico non va preso in giro con questi alti e bassi continui. Siamo già al ritorno dopo una partenza di Campionato deludente e non si dica che Mister Delneri non aveva lavorato, anzi,aveva fatto un lavoro egregio.

Piuttosto ci sia consentito di affermare che questi giocatori di mediocre taglio, dopo una settimana di ferie oltre che presi da un mercato che non si meritano, qualcosa o qualcuno non quadra,non si applica come dovrebbe se non altro per confermarsi accrescendo il proprio valore. Quindi non vorremmo dire che potrebbe esserci qualche lacuna culturale, non riuscendo a capire in maniera semplicistica questo fatto. Bello essere apprezzati per vero o per finta dai grossi blasoni,ma se metti in mostra lo scempio di queste ultime partite e chi ti cerca più?… Non serve tanta intelligenza per capire questo.

Mister ODDO, non solo in mera ipotesi, è creduto a oggi un Campione di bravura, a fine partita sosteneva, udito in Udinese TV che i suoi giocatori avevano fatto una “bella partita”. Un allenatore deve difendere i suoi giocatori ma pure su questo si deve fare attenzione al fatto che la platea non è del tutto cieca,sorda o mentalmente vuota. Un primo tempo ben di poco spessore o “vuoto”, un secondo tempo nell’ordine del primo salvo una accellereata di 15-20 minuti verso la fine, con il continuo rischio di farsi fregare la palla e che la Lazio come ha fatto ti punisce con estrema facilità con le ri- partenze, palla al piede con un centrocampo mollicio non in grado di pressare meno da che si è visto recuperare palla ostacolando l’avanzata dei laziali.

Ancora una volta una difesa a dire poco apocalittica, di non encomiabile spessore,esagerato incolpare Larsen sul primo gol vista la condizione d’insieme,l’unico errore di Larsen in partita non intervenendo come avrebbe dovuto sull’avamposto laziale, ma un errore ci può stare. Meno comprensibile Samir che segna un gol a Firenze poi ti punisce contro la Juve e qui all’olimpico fa un altro autogol, si può dire a questi livelli che è un Campione?, non pare.

Nuyting sul gol di Nani avrebbe dovuto andare lui ma come detto per Larsen Nuyting risulta essere l’unico difensore che ancora sempre presente e funziona,se la squadra non morde di fronte a mementi e occasioni calcistiche possono succedere tante.

Bene ha detto mister ODDO in riferimento alla Lazio che priva di Immobile ha a disposizione un giocatore di non meno valore con quel F.Anderson sempre pronto, mentre nell’Udinese mancano attaccanti sostitutivi di sicura prontezza ed esperienza. Logico è che subisci gol ma li devi fare mentre questa Udinese salva la bravura giovanile di Perica con un Maxi Lopez bravissimo nel fare giogo e aprirti il varco, ma non basta manca il percussore a colpo sicuro.

Il Genoa gioca come la Lazio però di qualità inferiore con la differenza che si chiude in difesa e non ti permette di segnare, anche il Genoa segna poco ma non ti fa segnare,questa la differenza. Senza esterni o ali che si voglia veloci e capaci è difficile affrontare queste squadre,infatti come le scatolette per sardine le difese vanno aperte e devi avere l’intelligenza di fare percussione a colpo sicuro. Cosa molto difficile per questa Udinese alla quale è mancato ancora una volta la coesione, centrocampo disarticolato e così non va.

Sull’occasione di Barak come in tante altre anche in questa partita manca almeno un secondo giocatore che segue il portatore di palla pronto in mancanza di trattenuta del portiere a fare il vampiro. E questo manca sempre,arrivano con un accelerato ritardato.

Utile che i giocatori si rendano conto che così non va ma Perica – Maxi e chi per loro debbono far svegliare questa squadra svolgliata e inconcludente. Dopo il Genoa il Milan, peggio di così… .

Senza Lasagna (se…), Widmer, Berhami, Adnan, l’Udinese senza anime importanti dove va?….Comunque continuiamo a sperare. I giovani ne devono mangiare polenta prima dei Milan e C…

Condividi questo articolo