L’Udinese gioca bene solo in parte, ma non riesce a fermare la Juve

Nientemeno che l’ex Juventino di tanti anno fa tale “Barone” Causio nell’incipienza della conferenza stampa di sabato verso le ore 12,00 su Udinese TV aveva sommariamente avvertito la cenerentola, dopo Tottenhan la Juve è maggiormente distesa e carica, mentre l’Udinese non ha nulla o ben poco da chiedere a questo Campionato in corso, tanto che per la Juve è stata una autentica passeggiata, da quando ODDO è a Udine abbiamo assistiti a 5 vittorie se ben ricordiamo, di fila se non sei, poi come con Delneri artefice reale delle precedenti vittorie in epoca ODDO che non ha fatto altro che scuotere la squadra, che dava l’impressione di aver capito l’antifona. Il tempo passa conosci pregi e difetti di chiunque e di botto, siamo ritornati all’epoca “dei secoli bui”, ODDO o no non c’è che tenga,pur riconoscendo il fatto che il Mister è un bravissimo ragazzo che si impegna molto ed è molto ragionevole e simpatico,ma q1uesta squadra non va presa con molle ma per i capelli e “strattonata,svegliata in buona sintesi”.

Aggiungiamo una postilla sulla dichiarazione rilasciata da mister ODDO a Udinese TV subito dopo quella di Causio commentatore Sky: in breve ODDO risponde ai giornalisti elementarmente che a una squadra come l’Udinese per affrontare la Juve serve molto coraggio, preparazione mentale (sih…),credere in se stessi e nella forte compattezza della squadra, moltissima volontà di raggiungere contro qualsiasi avversario il miglior risultato possibile, che non significa non poter perdere ma costruire una partita giocata significativa cosa che non è stata, a parte brevi momenti. Basta che vada in svantaggio e addio Udinese… . Va sicuramente considerata la quota Campioni della Juve contro quella dell’Udinese che per qualità in certi momenti del Campionato aveva dimostrato di non essere messa sotto da nessuno . Ora pare che la Juve a sentire Lei avrebbe nel mirino Widmer, Fofana, De Paul, Barak e Jantko-possiamo aggiungere che la Juve forte di questo è fatta “gradassa nel risultato” proprio da questo fatto mentre i nostri non difficile immaginare possano fare buon viso a cattiva sorte, trascurando vilmente la tutela dell’atttuale blasone. Posto che, se vero quanto vociferato, si tratta di un quinto della squadra oltre che di giocatori che in astratta anche a diore di ODDO sono giocatori di una certa qualità anche se ancora da far crescere, non sono mai stati al massimo delle loro possibilità. Credere a questo a noi pare un pochino azzardato,comunque sono voci che nbon fanno bene alla salute e al credo della platea verso questa squadra. La Juve chieda anche Pozzo e si vedrà…. . Allegri appare un tantino ridicolo: quando dichiara “abbiamo sofferto, poi siamo stati bravi…, buon suo e loro…”, noi aggiungiamo: “ bravi loro o noi a fare grande la Juve, visto quanto appena detto. La Juve impari a ragionare da “Uomo in senso sociale” e non rompa le uova nel paniere di terzi troppo fessi per starle dietro, solo per il semplice motivo che il Capitalismo nei periodi passati gli hanno regalato un mercato arricchendola in maniera illimitata a spese del popolo per poi fuggire all’Estero per non pagare tasse con una parte di mercato. In PARTITA: L’Udinese è partita bene dall’inizio, come spesso fa,giocava anche a sprazzi sugli spazi e sulla profondità con buone speranze, ma dal momento del primo gol subito su una punizione evitabile,la squadra si è inspiegabilmente afflosciata perdendo il controllo in balia dell’avversario. Solita malattia, debolezza o la mente a spasso…?. Certo è che ci chiediamo dove stia la tanto declamata qualità di questi giocatori…?…Partita a dire poco deludente,ripetiamo,non tanto per la sconfitta per la totale mancanza di voglia a parte il solito grande Bizzarri, Berhami, poi verso la fine del match in un paio di occasioni Balic si è fatto apprezzare con almeno un tiro in porta che puntualmente non c’entra… . Pr4estazione del tutto insufficiente a Torino, poco da aggiungere, impegno inadeguato, la famosa “intensità” regola essenziale nel calcio sconosciuta da questa squadra. Per lo più scarso l’impegno e la voglia. Possibile che Dybala sia tanto bravo da trovare sempre la difesa aperta a ogni corrente d’aria posto che ormai è conosciuto ai più,aggiunto che con altre squadre non segna. Angella ci ha stupito data la sua esperienza per il gioco insufficiente e per gli errori specie inutili commessi tanto da beccarsi con Perica il cartellino giallo, quale premio. Perica assolutamente innocuo non fa mai male o quasi mai a una mosca, Maxi Lopez ha bisogno di essere supportato cosa che gli è impossibile vista l’assenza dell’infortunato Lasagna con il quale fraseggio di più e hanno occasione anche se rara di segnare qualche gol. Con i personaggi giungi da migliaia di km di distanza che non si capiscono neanche tra loro che possiamo fare?….a fatica si salveranno forse. La quarta o quinta sconfitta consecutiva con ODDO,e lo avevamo scritto un dato numero in partita doppia scritta sul mastrino sotto la voce “positiva” le altre “negativa ma bene che vada si compensano. Si dice, va ben ma abbiamo affrontato in un mese le più grosse delle quali un tempo non temevamo, ma sapevamo affrontarle,questpo modo di pensare è assolutamente dannoso. Infatti ora anche le piccole affronteranno l’Udinese con massima determinazione e non sarà facile per questa realtà.

Il problema non verte ne nasce sul fatto di dover vincere o, quantomeno provarci a farlo, viste le difficoltà e giusto quanto già detto sulla Signora in precedenza, troppo forte oltre che ben gestita dalla personalità forte che Allegri ha saputo inculcarle, dalla Organizzazione perfetta fronte a un avversario che non dimostra tanta arguzia, in atto, in tali frangenti. Specie se consideriamo che l’Udinese l’abbiamo vista mentalmente poco attenta e, scarsamente penetrante in uno spirito garbatamente ma attentamente mordace. Calcisticamente priva della giusta cattiveria tendente a voler il risultato,fatto che ha messo assieme gravissimi errori anche difensivi e non solo agevolando la Juve a ottenere bellamente il risultato tre azioni di Higuain sul primo gol con un assist diretto a Dybala il quale si sbarazza del difensore semplicemente spostando la palla in mezzo dribling permettendogli di segnare mentre il primo gol è nato da un fallo su Higuain (evitabile) da una posizione, diremo la solita, privilegiata da Dybale specialista nei tiri a parabola capace di spiovere in porta lasciando stecchito il pur ottimo portiere Bizzarri che nulla ha potuto. Quindi nota la forza e la pericolosità della Juve su questi numeri bisognava stare molto attenti. L’Udinese si è dimostrata svogliata nel suo 3 – 4 – 2 -1 variabile, a centrocampo e in difesa c’erano i numeri mentre quel centrocampo nelle fasi offensive era utile e fluido solo con Berhami ( il vecchietto o uno de…, dell’Udinese, giocatore di grande esperienza contro giovani di poca esperienza ma che dovrebbero avere buone gambe e velocità che non dimostrano di avere in realtà tanto che Berhami è sempre una bandiera per l’Udinese..) . Fofana poche volte ci prova ma di questi tempi è ben lontano da quello che fu, nei suoi inserimenti troppa prevedibilità e errori, ormai lo conoscono. Una squadra questa Udinese per nulla smaliziata, poca astuzia e meno furbizia. L’ardore giovanile del tutto o quasi assente, così come la voglia di protagonismo in una personalità che non si denota, tanto bassa è la credibilità e l’amor proprio, in una sana arguzia, cose tanto care nei giovani d’antan. Nella nostra dissertazione che non pretende voler sottendere a nulla di scientificamente testato fa spicco però l’immagine di ciò che in un match vero e consolidato si dovrebbe poter vedere. Se sei inferiore ma tosto come ha detto Spallette a proposito dell’Inter se all’altezza pur con meno qualità di opporti all’avversario finchè possibile, avversario che dovrà soffrire sino alla fine,cosa che non è stata.

Bel coraggio del Club di San Daniele ad affrontare il viaggio, per poi non assistere non tanto a una vittoria o pareggio difficilissimo ma a una partita di calcio vera. Samir continua altalenante a non convincere oggi si dirà messo in difficoltà da Douglass Costa, ma vyuoi uno o l’altro Samir non convince più tanto. Purtroppo Widmer in difesa ….la mancanza dfi Larsen si fa sentire, mentre il primo non ci convince più di tanto… . Nuytink dalla sua parte la juve si fa vedere poco, mentre mette in mostra le solite difficoltà nel palleggio, forse soffrirà da buon mancino schierato a destra (???….), altro che ognuno nel proprio ruolo in un assetto organizzato e ben gestito. ODDO vcome Delneri prima dirà sì ma con questa materia prima che debbo fare?… . Allora pretendi dalla società giocatori prima di tutto nostrani o europei noti e adattabili al modulo e agli obiettivi che vuoi raggiungere. In attacco non esiste una prima punta pura,nè giocatori delle retrovie con piedi buoni. Barak in continua discesa rispetto al primo rendimento superlativo. Adnan che non consideravamo giocatore importante,a sorpresa,sta crescendo eccome,uno dei migliori ultimamente… . De Paul entra verso la fine del Match ma ahinoi…???.

Domenica il Sassuolo al Friuli e per questa squadra sarà durissima,mentre il Sassuolo ha chi sa tirare in porta da noi… . Jantko una sola azione (tanto per metterla in mostra….) e poi il vuoto mentale nel suo deserto come in quello della squadra.

Vogliamo pregare ODDO di non affermare sempre le soluite lusinghe, difendendo l’indifendibile. Il Watfor emula l’Udinese tanto per dire che… , benchè a noi interessi l’Udinese e basta. Triste epilogo. Red Bull anche nel Calcio,non solo formula uno? O sono fantasie…mah….chi vuole intendere intenda, pur sperando che la gestione Pozzo possa continuare però emulando i primi anni dello loro gestione fino ai Zaccheroni ecc…Spaletti…Guidolin….De Canio meno ma ultimo a battere la Juve a Torino già qualcosa.

Articolo d’opinione di
Carmino Deotti

Condividi questo articolo