Giro d’Italia 2018 | Tappa 2

Giro d’Italia partito ieri da Gerusalemme, con gran folla su tutto il percorso,la quale ha creato al solo arrivo del gran premio della montagna un situazione pericolosa per i corridori. Ciò in quanto in Israele l’emozione per questi eventi alla sua prima seduta peraltro,è tanta… .Con una gara di velocità. Oggi si è corsa la prima vera e propria con un percorso di tappa che da Haifa- porta a Tel Aviv di circa 189,00 Km circa. Partenza con vento forte e pericoloso stante che l’arrivo era sul mare. Vedute paesagistiche ruvide e ruspanti, specie sulla costiera sul Mediterranneo in un ambiente selvaggio ma, pulito, – stupendo. Va aggiunto che le strade sono state tutte sistemate e riasfaltate per l’occasione. ma di grande interesse Tappa per velocisti sempre più rara nel Giro d’Italia totalmente o quasi pianeggiante con un gran premio della ” montagna ” di circa 1.200 mt per poi riprendere l’autostrada fino a Tel Aviv più o meno. Fortuna che per arrivare nella Capitale costeggiando il mare il forte vento della partenza era cessato,quindi arrivo tranquillo non fosse stato per un imbuto sulla strada (restringimento che ha in parte danneggiato i primi…) e due curve all’arrivo abbastanza pericolose,ma nessun incidente gravoso sul percorso nè a norma nuovo regolamento per cadute entro i 3 km dall’arrivo ( allorquando accade basta dimostrare l’accaduto per valutare il danno subito o altro…). Un paio di fughe l’ultima delle quali per circa 30 km da corridori di seconda fascia che vogliono mettersi in mostra, poi riassorbiti dal Gruppo. Dopo i giochi tra squadre per i piazzamenti il vincitore di tappa è stato Elia Viviani alla sua seconda vittoria nel giro,gran combattente, adatto alle tappe in linea ma non solo. Oggi è stato in grado di controllare Froome. Per l’occasione se vero,abbiamo purtroppo appreso che Pozzato è dovuto rientrare in Italia, per accorrere al capezzale di suo padre ricoverato in Ospedale,la sua assenza si farà sentire in questo Giro. Allo stesso vanno nostri migliori Auguri di buona guarigione per il genitore, caso contrario coraggio sono momenti difficili ma poi tutto rientra nel tempo…

Per Classifiche e statistiche del Giro 2018
fai click su questa riga…

Condividi questo articolo