Giro 2018 | Tappa 13

Tappa da Nervesa della Battaglia a San Vito al Tagliamento che ricorda su tutto il tragitto i fatti della prima guerra Mondiale e la storia del Piave prima e dopo la disfatta dell’ E. I. di caporetto oltre all’eroismo dei vari Francesco BARACCA ecc….passati alla storia aeronautica e non solo…. . Percorso che si estende per 180 km di cui 150 interamente pianeggianti, facile ma con la situazione atmosferica con pioggia e vento anche forte che arriva da destra dove per fortuna la strada o protetta da file alberate.

Iniziamo dai 43 km dall’arrivo di San Vito al T. gruppetto di 5 corridori in fuga (falliranno) a 1’ 12”

dal gruppo dei migliori che segue tutti passisti e velocisti,oggi la loro tappa,gli altri i migliori seguono anche con il volto rivolto allo Zoncolan e non solo di domani,durissimo, a San Vito hanno dato la temperatura domani sullo Zoncolan a + 7 gradi a 1.750 mt sul l.m..-Per noi che siamo a Gemona del Friuli in atto dove a sera ci sono 14° gradi circa a seguito forte temporale, domani non cambierà, speriamo non nevichi sullo Zoncolan ma la temperatura potrebbe essere ben al di sotto dei 7°. Elia Viviani leader della classifica a punti. L’unica salita (più nsimil che altro) sul Montello tutti luoghi storici causa la guerra inclusa Maserada di Piave.

A 30 km arrivo i cinque uomini in testa alla corsa sempre in leggero vantaggio,si vedono Marcato,Suppa,più altri tre uno dei quali Battaglin… . Manuel Belletti e Tony Martin ai piedi della salitella del Montello . Da segnalare che Esteban Chavez davvero sfortunato rimane distaccato pure oggi. Pioggia consistente prima dell’arrivo. Pozzovivo rientrerà in testa alla corsa assistito dai suoi.Bonifaccio si fa vedere pure oggi. Così come Ballerini. Montello: Marcato in testa ma il g.p.m andrà a VENDRAME. Come detto sopra a tratti pioggia mista grandine con follate di vento anche forte. Thibaut Pinot impegnato nel rientro.Corsa che procede a circa 50-70 km orari. Viviani ieri sfortunato oggi cerca spiazza protetto dalla syua squadra e si porta vicino alla testa della corsa, assieme a lui Modolo mentre Moorich lavora per il suo Capitano. A 3 km Pozzovivo (domani!!!….) mette alla frusta la corsa e i primi, a 2 Km Battaglin in testa alla volata. Collegan approfitta ma stop li. La spunta e stavolta bellamente Viviani che vince la sua 3^ tappa alla grande in una volata lunghissima, dietro a Viviani Sem Bennet. In questo percorso si sono viste opere monumentali a ricordo della 1^ guerra mondiale.

Per le statistiche sempre aggiornate sul Giro d’Italia
fare click su questa riga

Condividi questo articolo