Giro 2018 | Tappa 21

GIRO D’ITALIA: 21° e ultima Tappa conclusiva di un Giro d’Italia che da Gerusalemme ha attraversato un circuito nella stessa Gerusalemme, poi da Haifa a Tel Aviv – da BE’ ER Sheva – a Eilat ( dove ha attraversato zone Bibbliche passaggio di Gesu’…) quindi ha attraversato il Mediterraneo con la Catania-Caltagirone e quindi le salite dall’Etna al Gran Sasso poi su su fino allo Zoncolan che ha “scoperto” il vincitore del Giro in quel Fromm vincente nel frangente ma che sarà capace sempre in montagna di una fuga di 80 km in solitaria senza che nessuno lo potesse riprendere, in questa tappa che da Venaria Reale porta a Bardonecchia il giorno della Cima Coppi e Col delle Finestre ha compiuto un’opera d’altri tempi, strappando la maglia al pur forte Yaltes attaccato a poco a poco rosicchiandogli secondi fino allo strattone che ne ha determinato l’arrivo per distacco affibbiando a Yaltes la perdita di circa mezz’ora non poco. Ieri nell’ultima tappa di montagna tutti gli uomini erano sfiniti,proprio tutti,tuttavia Fromm e Dumulin hanno cercato di fare bella figura tenendo duro e il secondo per mantenere il secondo posto in classifica generale, grande risultato considerato che Fromm ha vinto ben 4 Tours de France. E’ sotto inchiesta per aver assunto una sostanza proibita e si vedrà come finirà, Dumulin potrebbe essere,in caso di condanna di Fromm, il vincitore del Giro. Tuttavia molto forti.

Questo Giro ha ricordato Fausto Coppi Super Campione con la Cima Coppi e Bartali partendo da Gerusalemme, in quanto Bartali in tempo di guerra portava nella sua bici messaggi da Israele che pare abbiano potuto salvare parecchie persone.

Oggi il circuito di Roma prevede una tratta attorno ai monumenti e al centro storico, 10 giri di un percorso pianeggiante per lo più di 11,5 km a giro da ripetere per dieci giri. Da Piazza del Popolo a Piazza del Popolo.

Corsa quasi tutta su asfalto (tra le buche???) con brevi tratti in Sampietrini, strade ampie e larghe. Non possiamo prevedere battaglia anche perché ai migliori basterà controllare la corsa, detto che i corridori sono stanchissimi e che correranno poi per ben figurare data la Città Eterna, ormai il Giro virtualmente è già concluso ieri.

Un Giro d’Italia che ha attraversato il Belice fino al Centro Italia e il gran Sasso e su fino a tutte le Alpi, tra amene località e bellezze da scoprire uniche.

La capitale del cattolicesimo e dei beni culturali per l’Italia fa bella mostra di sé in una kermesse finale rispetto alla quale forse sarebbe stato molto più sensato, così come dovrebbe avvenire per tutte le ultime tappe delle grandi classiche simili a questa, che non si tenesse conto degli aspetti numerici della competizione, fermando del tutto le classifiche alla fine della tappa di ieri.

E’ giusto che l’ultima tappa sia solo e soltanto una passerella a beneficio dei vari pubblici. La competizione si dovrebbe chiudere alla fine della penultima tappa.

udineseNEWS.it vi da appuntamento alla prossima edizione di Giro d’Italia !!

Per le statistiche definitive sul giro d’Italia 2018 fare click su questa riga…

Condividi questo articolo