PUNTO BIANCONERO | Questa è un’Udinese che piace, anche quando non vince…

Da questa Udinese a Firenze ti aspettavi che non sfigurasse, e questo è avvenuto, praticamente. Il bello è che si sono potuti pure soppesare addirittura alcuni ritocchi al livello di qualità raggiunto dalla squadra. L’Udinese si è infatti opposta con grande ordine alla Fiorentina sia nel primo sia nel secondo tempo. Non con l’intento di spaccare il Mondo, questo no. Si sapeva che al Franchi si doveva fare una gara tutto ordine, concretezza e determinazione e questo è avvenuto. Sia nel primo tempo, con l’Udinese che tra le altre cose ha fatto registrare quei miglioramenti nella precisione difensiva che avevamo messo in preventivo come risultati da ottenere. Risultati che sono arrivati ben presto, se consideriamo che ci siamo lamentati degli sbilanciamenti difensivi bianconeri appena una edizione di “Punto BIanconero Week” fa, e i miglioramenti si sono visti già da subito nella prima partita utile successiva. Niente da dire per la puntualità con la quale ci presenta una Udinese all’altezza della situazione veramente, MIster Julio Velasquez. E questo pensiero ci alimenta la convinzione che ben presto, ossia nella famosa partita contro il Torino che ci sarà a Udine dopo la pausa, avremo una Udinese all’altezza della situazione per quanto attiene a quasi tutti gli aspetti. Preparazione fisica a parte, visto che per ottenere anche quella dovremo aspettare novembre, ad occhio e croce, stando le cose come stanno al momento attuale. Nel mentre della pausa dedicata alla sosta per la Nazionale che sarà impegnata nel nuovo torneo intermedio per nazioni, ci sarà comunque il tempo per sostenere sessioni intensive d’allenamento che porteranno avanti in maniera sostanziale la resistibilità della squadra friulana. E così alla ripresa degli scontri ufficiali di campionato avremo una Udinese che raggiungerà già l’80 percento anche sotto questo punto di vista. Che dire, con Velasquez si lavora in tutto per tutto in maniera quadrata e ben presto si giunge all’optimum della preparazione universalmente considerata. E così si può pensare a continuare una corsa ai punti che comunque è iniziata puntualmente e sta andando avanti con costanza in casa delle zebrette. Sinceramente non si può proprio chiedere di più di quanto abbiamo rilevato allo stato attuale all’Udinese, squadra nuova e neoassemblata alla quale ora si dovrà dare tutto, ma veramente tutto, il tempo necessario e utile per perfettirsi sotto la globalità delle prospettive.

Articolo d’opinione di

Valentino Deotti

E-mail: valentino.deotti@udinesenews.it

(Riservato all’autore ogni diritto e utilizzo)

Condividi questo articolo