La dodicesima Tappa del Giro 2017

Tappa interamente pianeggiante seppur lunga ma senza grosse difficoltà fatto apposta per velocisti.

Unica difficoltà a 2 km dall’arrivo sul ponte piccola asperità da salire, oltre che una curva che porta sul traguardo.

Sia la tappa odierna di km 229 (lunga ma piana totalmente) che quella di domani da Reggio Emilia a Tortona più breve 167 km con dislivelli impercettibili quasi totalmente pianeggiante,due tappe adatta a velocisti specialisti, quella di domani sarà l’ultima adatta a velocisti in questo Giro,poi speriamo di poter vedere un vero Giro d’Italia con attori italiani anche se sono pochi tirino fuori le loro qualità. Un tempo esisteva il detto :”meglio pochi ma buoni…” non vale più questo detto in questi tempi? Dimostrino il Contrario. Coriacità, caparbietà, amor proprio e delle proprie origini.

Tappa tuttavia e comunque combattuta tra velocisti giovani non avendo nulla da perdere gli altri, non certo una tappa per outsider, ma dei giovani migliori e delle comparse al servizio dei capisquadra come Quintana che marca sempre NIBALI, il più temuto tra gli italiani, ma proprio questo potrebbe riservare anche sorprese,quando gli scalatori vuoi POZZOVIVO o FORMOLO potrebbero riservare sorprese nei prossimi giorni e/0 fino all’arrivo,un Giro d’Italia deve vedere come attori italiani,così come in Francia al TOUR piazzano francesi in abbondanza. Dei francesi Thibaud PINOT va veramente forte. Lui e/o Nibali potrebbero … .Senza dimenticare ovviamente Quintana.

ARRIVO: per Gaviria terza vittoria di tappa in questo Giro ( fortissimo). Mareczko secondo,terzo Bennet di seguito per ordine di arrivo, Bauhoeus, Richeze, Gibbons, Modolo, Greiper, Styven, Ferrari. Maglia rosa conservata dall’ olandese Dumoulin molto forte e per questo ora molto combattuto.

nell’ultimo km è scattato Zhupa ai 2 km dall’arrivo ma viene ripreso. Lavoro di squadra nella compagine di Mario Quintana per la sua tutela ma si vedrà.

Prima ancora sui 9 km circa dall’arrivo era scattato Maestri che ha fatto un buon lavoro ma poi è finita come detto sopra. Nibali attende e speriamo ancora poco. Pozzovivo e Formolo possono dare molto di piu’ si facciano sentire da dopodomani in poi….

Come gia’ detto anche domani tappa per velocisti, ultima di 167 Km. Reggio Emilia – Tortona tutta in falsopiano o più piano che falso. Speriamo che i colori italiani non si sbiadiscano…ulteriormente.

Articolo di
Carmino Deotti

Condividi questo articolo